Carnevale di Fonni 2013, Sant’Antonio Abate. La sera tra il 16 e il 17 gennaio a Fonni si accende il falò in onore di Sant’Antonio Abate in Piazza

Sant’Antonio Abate

La sera tra il 16 e il 17 gennaio a Fonni si accende il falò in onore di Sant’Antonio Abate in Piazza Santa Croce. Un culto antico e radicato visto dalla collettività cristiana come uno strenuo oppositore dei diavoli e delle fiamme dell’inferno. Dopo i riti liturgici e la benedizione del fuoco, i partecipanti stazionano di fronte ad esso. La leva del ’62 offrirà a tutti i partecipanti salsiccia arrosto e pane carasau, vino e pane in sapa.
In questa occasione fanno la loro comparsa, prima del carnevale s’Urthu e sos Buttudos, le maschere tradizionali di Fonni. S’Urthu, l’animale, ha il consueto campanaccio ed è vestito di pelli nere o bianche, di montone o di caprone, e viene tenuto alla catena da sos Buttudos, uomini incappucciati vestiti di nero, con dei campanacci sulle spalle. Le due maschere mettono in scena la lotta tra bene e male, tra l’uomo e l’animale: s’Urthu, l’animale, cerca di scappare e di liberarsi arrampicandosi ovunque, su alberi e balconi, mentre sos Buttudos cercano di domarlo.

Fonni, maschere di s'Urthu e sos Buttudos, Carnevale 2013 sul Portale Le Vie della Sardegna.

Storia e Tradizioni del Carnevale di Fonni

Le maschere di Fonni
Sul carnevale tradizionale di Fonni si dispone della testimonianza del Nurra (1896), dove si descrive con precisione il processo e la condanna al rogo di “Narcisu” o “Ecce homo”, il fantoccio di carnevale responsabile di tutte le malefatte occorse nell’anno passato al paese e al circondario, e la presenza di maschere dette “buttudos”, che, “vestite di stracci, grottescamente, tinte di fuliggine nella faccia, godono della più ampia libertà nell’inseguire le ragazze e nell’abbracciarle, e nel satireggiare coi versi”.
Il fantoccio veniva trasportato per il paese dai “buttudos”, vestiti di nero, con uno scialle nel capo e il viso annerito; essi ne lamentavano la morte accompagnandosi con “muttos”, in genere licenziosi. La tradizione, andata in disuso, è stata riesumata negli ultimi anni.
Altra maschera della tradizione fonnese era quella de “s’urthu”: scomparsa da tempo e recentemente riproposta, sembra possa ricondursi alla maschera dell’orso, diffusissima nel carnevale europeo.
“A Fonni uomini fra i più alti e robusti si camuffavano da orsi, indossando pelli bovine e coprendo il viso con maschere di sughero. Erano tenuti a catena da un domatore – in costume isolano e maschera sempre di sughero – il quale lasciava, liberi gli orsi all’avvicinarsi di comuni gruppi di mascherati” (Della Maria, 1959). Mereu e Carta (1982) contestano l’identificazione dell’ùrthu con l’orso, “animale estraneo alla fauna sarda… il termine ùrthu ha invece, a nostro avviso, il significato di ‘coperto’”.

La Redazione

MisterDomain.EU

Le Vie della Sardegna

MisterDomain.EU

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove
0 Condivisioni
Condividi
+1
Tweet
Pin