Sei per la Sardegna: Francesco Abate – Alessandro De Roma – Marcello Fois – Salvatore Mannuzzu – Michela Murgia – Paola Soriga – Giulio Einaudi editore

SEI per la SARDEGNA

Sei scrittori sardi:

Francesco Abate
Alessandro De Roma
Marcello Fois
Salvatore Mannuzzu
Michela Murgia
Paola Soriga

hanno pensato di unirsi e mettere a disposizione quello che sanno fare per dare il loro contributo riconoscente alla causa degli alluvionati in Sardegna.
Chi compra questa antologia aiuterà la comunità di Bitti, un paese letteralmente collassato in piú punti e che ha subito gravi danni strutturali.

Sardegna Ciclone Cleopatra

Scrittura e Solidarietà e ciò che avviene quando sei scrittori sardi uniscono la loro arte è danno vita ad una piccola antologia a basso costo (6 euro), “Sei per la Sardegna” è pubblicata da Einaudi a cura di Marcello Fois, i cui proventi – ai quali hanno rinunciato autori ed editore – andranno agli alluvionati della Sardegna, in particolare alla comunità di Bitti, una tra le più colpite.

Presentazione di “Sei per la Sardegna”:

La prima data di presentazione di “Sei per la Sardegna” è fissata venerdì 31 gennaio a Cagliari alle ore 18,00 nella sede della libreria Feltrinelli in via Paoli, dove i sei autori del volume Einaudi curato da Marcello Fois parleranno del libro e della sua finalità e risponderanno alle domande dei presenti.

La seconda data è sabato 1° febbraio ad Alghero, alle ore 19,00 negli spazi del Dipartimento di Architettura all’interno del complesso Santa Chiara (Bastioni Marco Polo), dove Francesco Abate, Alessandro De Roma, Marcello Fois, Salvatore Mannuzzu, Michela Murgia e Paola Soriga saranno ospiti del Dipartimento di Architettura Urbanistica e Design dell’Università di Sassari e qui presenteranno il libro “Sei per la Sardegna” con l’introduzione di Arnaldo Cecchini (direttore del Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica) e dove a coordinare l’evento ci sarà il giornalista Costantino Cossu .

Domenica 2 febbraio i sei scrittori presenteranno il libro a Sassari alle 11,30 nel foyer del Teatro Verdi, in un appuntamento con i lettori organizzato dalla Libreria Koyné.

«S’abba tenet memoria» dice un antico detto sardo, l’acqua ricorda dove era il suo letto, e se l’uomo vi ha costruito incautamente sopra a lei poco importa quello è il suo passaggio naturale.

ciclone cleopatra in sardegna

«Il fragore detonante degli scrosci di pioggia si è schiantato su una terra che il secco, e l’uomo, avevano radicalmente modificato. Ma S’abba tenet memoria, l’acqua ricorda, e ricorda dove stava il suo letto. E ricorda che da sempre, e per sempre, nei casi di piena eccezionale, andava a sversarsi in quelle zone umide che l’uomo ha prosciugato per costruire».

***

Francesco Abate, Un uomo fortunato
Alessandro De Roma, E se fosse una malattia?
Marcello Fois, L’infinito non finire
Salvatore Mannuzzu, Cantata profana
Michela Murgia, L’eredità
Paola Soriga, Grilli in testa

***

«Se poi, nel cercare di capire come può essere
che anche dall’ombra possa scaturire un senso,
vi trovaste a passare da queste parti,
ebbene è da qui, da qui soltanto,
che bisogna partire,
perché questo è il posto giusto,
di bellezza violata,
di roccia stuprata,
d’acqua strozzata nell’arteria di cemento armato.

Da qui, da questo centro, ha origine
l’infinito non finire…
La bruttura sopra ogni bellezza,
lo svelamento senza mistero,
la profanazione che, da sempre,
non prevede rispetto».

Marcello Fois

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove
Translate »
1 Condivisioni
Condividi1
+1
Tweet
Pin
Email