“Sas tres edades” di Massimiliano Rosa.

"Sas tres edades" di Massimiliano Rosa.A pipia
Pario vestia de tzappulos.
Ma a bortas mi mudavan.
E mi ponian una veste nova.
De rubiu iscarlattu.
E unu tzipponeddu gai istrintu
De colore ‘e chelu
Ca non mi faiat alidare.
E prus a mannita.
Pronta a faet a isposa.
Non mi istaian
sas palettas.

Da bambina
Sembravo vestita di stracci
Ma a volte mi cambiavano.
E mi mettevano una veste nuova
Di rosso scarlatto.
E un corpetto così stretto
Che non mi faceva quasi respirare.
Quando fui un po’ più grande
Pronta per fidanzarmi
Non mi stava più il bustino.

"Sas tres edades" di Massimiliano Rosa.A zovona mi toccavat
De andare a funtana.
Cando mi frittia
Mi liavo e apitzavo
Su mucadore in conca.
Non fiat po prennet megnus s’abba
Ma po bardiare a fura.
Sos zovonos chi m’attobiavan.

Da giovane
Mi toccava d’andare alla fonte.
Quando mi chinavo
Piegavo il mio fazzoletto nella testa.
Non era per poter prendere meglio l’acqua
Ma per guardare di nascosto
I giovani che mi incontravano.

"Sas tres edades" di Massimiliano Rosa.

Como narana ca so vetza
E deo, mi seo finas estia de nigheddu.
No est ca m’agradat custu colore.
Giugo sempet sos frores in su ricamu.
Ma nessunu los viet.
Ca maridu meu non b’est prus.

Adesso dicono che sono vecchia.
Ed io mi sono anche vestita di nero.
Non è che mi piace questo colore.
Ho sempre i fiori nei miei ricami.
Ma nessuno li vede.
Perché mio marito non c’è’ più.

La parabola della vita.

Massimiliano Rosa

 

Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2016
All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove
Translate »
38 Condivisioni
Condividi36
+12
Tweet
Pin
Email