“Sardegna terra di giganti” (le scoperte di Monte Prama) – Conferenza al Museo Sa Corona Arrubia sabato 6 dicembre 2014.

Archeologia in Sardegna. "Sardegna terra di giganti" (le scoperte di Monte Prama) - Conferenza al Museo Sa Corona Arrubia sabato 6 dicembre 2014.Sabato 6 dicembre alle ore 9.30, nel Museo Naturalistico del Territorio “G.Pusceddu”, è in programma la conferenza “Sardegna terra di Giganti” (le scoperte di Monte Prama) a cura del prof. Gaetano Ranieri, docente di Geofisica applicata all’Università di Cagliari, con il professore di Storia e archeologia del Mediterraneo antico dell’ateneo di Sassari Raimondo Zucca. Interverranno per i saluti ufficiali: Egidio Cadau (Presidente Consorzio Sa Corona Arrubia), Pier Sandro Scano (Presidente Unione dei Comuni Marmilla), Pasquale Ruggero (Presidente del R.C Sanluri per i Club presenti). Coordina i lavori Paolo Sirena (Direttore del Museo Sa Corona Arrubia).

L’evento è promosso dal Consorzio Turistico della Marmilla – Sa Corona Arrubia ed i Rotary Club di: Sanluri Medio Campidano – IglesiasSiniscolaCarboniaQuartu S.Elena – Sedilo

Marghine Centro Sardegna – Thiesi Bonorva – Pozzomaggiore – Oristano – Senorbì Trexenta.

"Sardegna terra di giganti" (le scoperte di Monte Prama) - Conferenza al Museo Sa Corona Arrubia sabato 6 dicembre 2014.Dopo quaranta anni Monte Prama, una collinetta che guarda gli stagni di Cabras, torna a sorridere!

Non ci sono più le palme che danno il nome al luogo, non ci sono più i giganti, trasportati addirittura in due musei. Torna però l’interesse e l’attività di scavo grazie agli studi dell’intera area eseguita con le più moderne tecnologie e con l’analisi dettagliata del paesaggio archeologico.

MisterDomain.EU

Già dieci mesi prima dell’inaugurazione dei musei un favoloso strumento di cui si avvale l’Università di Cagliari e il team di Geofisica Applicata guidato dal Prof. Ranieri aveva consentito una descrizione affascinante del sottosuolo. Come appariva logico non solo una necropoli isolata quindi, ma un vero e proprio eldorado degli archeologi.

Occorreva però la conferma con saggi selettivi; conferma che è arrivata puntualmente quando si è deciso di aprire nuovamente l’area già scavata, in stato di completo abbandono, prima alla ricerca geofisica e successivamente a veri e propri scavi da parte di un equipe di grande professionalità, guidata dal Prof. Raimondo Zucca. I risultati sono stati impressionanti. Le ”anomalie” geofisiche sono state verificate nella maggior parte dei casi al centimetro .

Dopo circa 40 giorni trascorsi a pulire l’area, a regolarizzarla, ad acquisire nuove forze di lavoro ecco i primi risultati In appena 144 metri quadrati di scavo sono stati rinvenuti numerosi blocchi di pietra calcarea, due betili grandiosi, otto tombe, tantissimi modelli di nuraghe, piedi calzati e …due giganti praticamente interi. E’ stata avviata quella che potremo definire la “nuova archeologia”, fatta di incontri quotidiani tra geofisici e archeologi, di discussioni e di scavi in diretta e di interpretazione all’istante. Il futuro ora è roseo. Basta volerlo.

Prof. Gaetano Ranieri- docente di Geofisica applicata all’Università di Cagliari

Prof. Raimondo Zucca- professore di Storia e archeologia del Mediterraneo antico dell’ateneo di Sassari.

MisterDomain.EU
14 Condivisioni
Condividi...

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove
Condividi14
Tweet
Pin
+1
14 Condivisioni