Problemi alla rete idrica crolla la produzione di carciofi. Nella valle del basso Coghinas perso il 40% del raccolto.

Panorama della Bassa Valle del Coghinas.Gli interventi di manutenzione alla rete idrica che fornisce l’acqua nella bassa valle del Coghinas stanno mettendo a rischio la produzione annua delle carciofaie.

SASSARI. La bassa valle del Coghinas è in ginocchio. I produttori di carciofi hanno perso il 40 per cento del raccolto e nei prossimi giorni i danni potrebbero aumentare esponenzialmente mettendo a rischio l’intera produzione annua. Il problema è legato ai lavori che il Consorzio di Bonifica del Nord Sardegna sta effettuando sulla rete idrica: un disagio che ha lasciato i terreni privi d’acqua irrigua dall’inizio di dicembre. E ad aggravare la situazione è l’assenza di piogge che ha caratterizzato gli ultimi mesi.

Il caso del carciofo spinoso sardo«Gli interventi sulla rete idrica andavano gestiti con maggiore celerità – dichiara il presidente della società agricola Valle del Coghinas, Giovanni Pes. Il tempo dichiarato per il completamento dei lavori era di 20 giorni ma l’interruzione dell’erogazione idrica si sta prolungando oltremodo. Se non si corre ai ripari molti dei produttori che lavorano sui 1200 ettari coltivati a carciofo non solo rischiano di perdere l’intero raccolto ma potrebbero essere costretti a chiudere la propria attività».

Il caso del carciofo spinoso sardo«Siamo convinti che questo tipo di interventi debbano essere programmati con largo anticipo – sottolinea il presidente della Coldiretti Sardegna, Battista Cualbu – proprio per evitare che nascano dei problemi durante il ciclo di produzione. Per questo chiediamo al Consorzio di Bonifica del Nord Sardegna – conclude Cualbu – che il servizio venga ripristinato il prima possibile per non compromettere il lavoro dei produttori».

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove
Translate »
2 Condivisioni
Condividi2
+1
Tweet
Pin
Email