Personale di Alice Cadeddu “MAR_MILLA” dal 12 settembre al 12 ottobre 2014

Arte52
“MAR_MILLA”
Là dove la percezione delle cose ha una ricchezza differente
Personale di Alice Cadeddu
Dal 12 settembre al 12 ottobre 2014
Museo naturalistico del territorio “G. Pusceddu”
Strada Lunamatrona-Collinas

Il filo conduttore che caratterizza la trentacinquesima mostra di Arte52 è un itinerario che si trasforma in una metafora della vita e dell’esistenza. Un viaggio alla ricerca degli strumenti più idonei alla comunicazione, una proiezione del proprio immaginario che l’artista Alice Cadeddu compie partendo dalla sua terra natia, la Marmilla, rievocante con le sue morbide linee, la forte immagine matriarcale della civiltà sarda.

Allestimento in corso della Personale di Alice Cadeddu Arte52 “MAR_MILLA” Là dove la percezione delle cose ha una ricchezza differente Personale di Alice Cadeddu Dal 12 settembre al 12 ottobre 2014 Museo naturalistico del territorio “G. Pusceddu” Strada Lunamatrona-Collinas

L’inaugurazione della personale “MAR_MILLA”- Là dove la percezione delle cose ha una ricchezza differente- si terrà venerdì 12 settembre alle ore 18.00 presso il Museo Naturalistico del Territorio “G. Pusceddu” e si potrà visitare fino al 12 ottobre 2014. Alla vernice si accompagnerà la conclusione della personale “GEOMETRIE DEL MAESTRALE” di Giorgio Tore.

Arte52 “MAR_MILLA” Là dove la percezione delle cose ha una ricchezza differente Personale di Alice Cadeddu Dal 12 settembre al 12 ottobre 2014 Museo naturalistico del territorio “G. Pusceddu” Strada Lunamatrona-Collinas

Sa Corona Arrubia Museo Sa Corona Arrubia Museo Naturalistico del Territorio G.Pusceddu“MAR_MILLA”
Là dove la percezione delle cose ha una ricchezza differente Artista e communication designer, dopo il conseguimento del diploma di laurea in arti visive presso l’Accademia di belle arti di Firenze, si specializza in comunicazione e fotografia presso la Bauhaus-Universität di Weimar, conseguendo titolo specialistico di secondo livello presso l’ISIA design di Firenze. Nel mentre partecipa a diverse esposizioni in Italia e all’estero, tra queste Weimar, Londra, Belgrado e Firenze. Oggi, a Lunamatrona in Marmilla dove vive e lavora, si concentra tra rievocazione del passato fatto di giochi e divertimenti, sulla proiezione di un futuro che rivaluti la qualità della vita e sulla constatazione del disorientamento del presente. La poliedricità dei contenuti semantici delle opere di Alice, si riconosce per la validità dei significati che assumono sviluppandosi in vari contesti: dalla ritmicità della danza, all’armonia dei suoni, alla rievocazione della dimensione sospesa dell’infanzia e del gioco. Il filo rosso che unisce tutti i percorsi frequentati è riconducibile al tema del viaggio. L’itinerario è la metafora della vita e dell’esistenza, la proiezione del proprio immaginario alla ricerca dei veicoli più idonei alla comunicazione che integra e sopperisce la parola con l’immagine, la fotografia, l’appunto scritto, la cartina ripiegata. Testimoni di una memoria, di una esperienza importante. Il filo conduttore di questa mostra ci introduce in un viaggio meraviglioso e straordinario, inizia con l’osservazione del mappamondo “visto dall’esterno sostenuto dalla figura in costume che, come un pesce, si tuffa senza riflettere, si trasforma in cavallo e corre con la mente verso la Marmilla e sorride, felice”. E’ la gioia della scoperta che Alice ha mantenuto intatta dall’infanzia ad oggi e che ripropone con l’invito rivolto ai bambini di cercare nel grano il proprio tesoro, e ai grandi di rintracciare attraverso le percezioni più lontane, i valori più autentici per plasmare il futuro. Il gioco è l’azione che crea un rapporto tra oggetti e soggetti e genera un universo reale e fantastico assieme. La sospensione del ricordo, della memoria dei suoni, si compie nella dimensione dell’assoluto silenzio, nella sfera della consapevolezza dove i valori identitari si uniscono con il viaggio nel mondo esterno.

Lo sperimentalismo grafico si esprime talvolta nella leggerezza del segno e altre nella determinatezza dei tratti che rievocano le maschere e i motivi tradizionali isolani: delicati e poetici i primi e fortemente evocativi di un mondo fisso nell’immaginario isolano i secondi. L’arte di Alice è la sintesi dell’incontro tra la realtà intima e interiore e l’evocazione di un macro cosmo dove la terra e il mare, l’io e la storia, la memoria individuale e collettiva si incontrano. L’immagine diventa lo schermo dove queste due realtà convivono, proprio come nei due universi, quello fantastico e quello reale della città di Onomatopeia del pittore scozzese Charles Avery. E’ la metafora dell’isola reale e dell’isola mentale che si prestano alle stratificazioni concettuali, dove il porto di approdo si raggiunge attraverso l’interiorità soggettiva. E’ lo stesso percorso della nostra artista Maria Lai che ha ricomposto le istanze intellettuali e le pratiche performative riscoprendo la funzione etica dell’arte, che hanno attratto Alice, sino ad evocarne i libri, i fili della memoria che ci legano, il ritmo delle parole che portano al silenzio.

Il valore vigoroso e identitario dell’immaginario di Alice, parte dalla sua terra natale, la Marmilla, rievocante con i suoi morbidi profili, la forte immagine matriarcale della civiltà sarda, e ci porta alle zone più interne dell’isola, per muoversi poi varcando il mare verso le esperienze più all’avanguardia nel campo della comunicazione, abbracciando i linguaggi del figurativo e non e della multimedialità per dialogare col mondo.

Antonietta Motzo – Docente di storia dell’arte

“Qui parte il mio viaggio, con gli occhi, col cuore e con la mente. Parliamo tutti lingue diverse e alla fine di ogni discorso mi rimangono sempre dei dubbi, sono quei dubbi che mi fanno capire che la vita è un viaggio strano, dove spesso l’immagine prende il posto della parola e dove osservare spesso diventa vitale”.

Alice Cadeddu- Artista

Museo Sa Corona Arrubia
Tel. 070/9341009 Fax 070/9341135
http://www.sacoronarrubia.it/

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove
Translate »
0 Shares
Share
+1
Tweet
Pin
Email