La Giornata della memoria 2016 sarà ricordata a Carbonia con diverse iniziative il 22 e il 27 gennaio.

Giornata della memoria 2016

In occasione della Giornata della memoria 2016, si terranno a Carbonia due importanti appuntamenti dedicati ai temi della Memoria Storica dell’Olocausto e della cittadinanza attiva.

Le iniziative, previste per il giorno 22 e per il giorno 27 gennaio, sono organizzate dal Comune di Carbonia, in collaborazione con l’ARCI Sardegna, il Centro Servizi Culturali Carbonia-Iglesias della Società Umanitaria e lo SBIS-Sistema Interurbano Bibliotecario del Sulcis.

La Giornata della memoria 2016 sarà ricordata a Carbonia con diverse iniziative il 22 e il 27 gennaio.Venerdì 22 gennaio, alle ore 17.30, nella Biblioteca Comunale di viale Arsia, Elena Bissaca, sociologa e vice-presidente dell’associazione DEINA, , presenterà il libro “Noi non andiamo in massa, andiamo insieme – I Treni della Memoria nell’esperienza italiana, 2000-2015”.

Mercoledì 27 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria, presso il Teatro Centrale di Piazza Roma, alle ore 10, le studentesse e gli studenti delle scuole medie superiori della città incontreranno le ragazze e i ragazzi che hanno partecipato al progetto I VIAGGI DELLA MEMORIA 2015, promosso da ARCI Sardegna e sostenuto dagli Enti Locali del territorio tra cui il Comune di Carbonia. Per l’occasione le ragazze e i ragazzi, che hanno aderito al progetto, restituiranno la testimonianza dell’esperienza vissuta durante il viaggio che li ha visti protagonisti e durante il quale hanno avuto modo di visitare la città di Cracovia, con il ghetto e la Fabbrica di Schindler, e i campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau.

La sera, sempre presso il Teatro Centrale comunale, alle ore 20.30 la stessa restituzione sarà aperta al pubblico. A seguire verrà proiettato il breve filmato realizzato dal gruppo Sud Sardegna che ha partecipato al viaggio e il film “CORRI RAGAZZO CORRI”, del regista Pepe Danquart, che racconta la vicenda di un bambino ebreo che, nella Polonia occupata dai nazisti, è costretto a fuggire per poter scampare alla deportazione.

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove
Translate »
2 Condivisioni
Condividi2
+1
Tweet
Pin
Email