Il Consorzio Turistico Sa Corona Arrùbia e l’Associazione Lìberos presentano “Senza sapere. Il costo dell’ignoranza in Italia” ultima opera dello scrittore Giovanni Solimine con l’intervento di Maria Antonietta Mongiu.

Il Consorzio Turistico Sa Corona Arrùbia e l’Associazione Lìberos, presentano 12 proposte di lettura presso il Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu, una ogni primo fine settimana del mese, con la presenza di autori sardi, italiani o stranieri.

Sabato 7 giugno alle ore 18, presso il Museo del territorio “G. Pusceddu”, si terrà la presentazione di “Senza sapere. Il costo dell’ignoranza in Italia”, ultima opera dello scrittore Giovanni Solimine, con l’intervento di Maria Antonietta Mongiu.

Il Consorzio Turistico Sa Corona Arrùbia e l’Associazione Lìberos presentano “Senza sapere. Il costo dell’ignoranza in Italia” ultima opera dello scrittore Giovanni Solimine con l’intervento di Maria Antonietta Mongiu.

A Derek Bok, presidente emerito dell`Università di Harvard , fu attribuita la frase: «Se pensate che l`istruzione sia cara, provate l’ignoranza». L`Italia tagliando più di qualsiasi altro Stato europeo sull’istruzione, paradossale per un Paese avanzato, ha in un certo modo «provato l’ignoranza» nelle scelte strategichedegli ultimi vent`anni. L’istruzione è una risorsa strategica per lo sviluppo europeo, il sistema economico ed è uno strumento essenziale per il miglioramento sostanziale della qualità del capitale umano di tutti i cittadini del continente.

Se un Paese vale per quello che sa, il crescente deficit culturale ha creato un’emergenza che chiede risposte adeguate.

Sa Corona Arrubia Museo Sa Corona Arrubia Museo Naturalistico del Territorio G.Pusceddu

“Senza sapere. Il costo dell’ignoranza in Italia”
L’Italia sembra non rendersene conto: tutte le statistiche ci ricordano il basso livello di competenze degli studenti e della popolazione adulta, lo scarso numero di laureati e diplomati che il nostro invecchiato e gracile sistema produttivo non è capace di assorbire, la debole partecipazione dei nostri concittadini alla vita culturale. Un Paese povero di risorse materiali e in ritardo dovrebbe investire in formazione più degli altri Paesi. Invece continua a non avere una politica della conoscenza, fondamentale per la costruzione del nostro futuro: gli investimenti in istruzione e ricerca ci costerebbero meno di quanto ci costa l’ignoranza. Questo è il paradosso di un’Italia senza sapere.

Giovanni Solimine insegna presso l’Università di Roma La Sapienza, dove dirige la Scuola di specializzazione in beni archivistici e librari ed è Senior Research Fellow della Scuola superiore di studi avanzati. Si occupa di progettazione e gestione di servizi bibliotecari, di biblioteche digitali, di cultura editoriale e promozione della lettura, di information literacy. Ha presieduto l’Associazione Italiana Biblioteche ed è attualmente presidente del Forum del libro.  Autore di numerosi volumi, per i nostri tipi ha pubblicato L’Italia che legge (2010) e La biblioteca. Scenari, culture, pratiche di servizi (2010).

Evento realizzato in collaborazione con Sa Corona Arrùbia – Consorzio turistico della Marmilla, Editori Laterza, AIB e la libreria Sa Tellaja di Pauli Arbarei.

Museo Sa Corona Arrubia
Tel. 070/9341009 Fax 070/9341135

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove
Translate »
1 Condivisioni
Condividi1
+1
Tweet
Pin
Email