Alcoa Intesa a Palazzo Chigi su confronto con Glencore per acquisizione. Grande soddisfazione del presidente della Regione Francesco Pigliaru e del Sindaco di Carbonia Giuseppe Casti per la firma del Protocollo di Intesa per la ripresa dell’attività dell’ex Alcoa.

Portovesme. Sottoscritto un Protocollo d'Intesa concernente le condizioni fondamentali perché Glencore avvii un confronto con Alcoa circa la possibile acquisizione e riattivazione dello smelter di produzione di alluminio primario in Portovesme.

Alcoa, Intesa a Palazzo Chigi su confronto con Glencore per acquisizione

Sottoscritto un Protocollo d’Intesa concernente le condizioni fondamentali perché Glencore avvii un confronto con Alcoa circa la possibile acquisizione e riattivazione dello smelter di produzione di alluminio primario in Portovesme.

ROMA, 10 NOVEMBRE 2014 – Il Governo della Repubblica Italiana, rappresentato dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Graziano Delrio, dal Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, dal Vice Ministro dello Sviluppo Economico Claudio De Vincenti, la Regione Autonoma della Sardegna (RAS), rappresentata dal Presidente Francesco Pigliaru, e Glencore International AG, rappresentata dall’Amministratore Delegato Ivan Glasenberg, in data odierna, hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa concernente le condizioni fondamentali perché Glencore avvii un confronto con Alcoa circa la possibile acquisizione e riattivazione dello smelter di produzione di alluminio primario in Portovesme. Il Governo e la RAS perseguono l’obiettivo della ripresa della produzione nello smelter di Portovesme, cessata per decisione della proprietà Alcoa. Tale obiettivo è perseguito sulla base degli Accordi fra Governo, RAS, Enti locali, Parti sociali e Alcoa che prevedono anche l’impegno di Alcoa a favorire, in assoluta buona fede, il riutilizzo produttivo dell’Impianto. Il Governo e la RAS hanno pertanto invitato tutti gli operatori potenzialmente interessati a verificare le condizioni per rilevare l’impianto, prospettando a tutti identiche condizioni di contesto. In questa prospettiva, il Governo e la RAS, come fatto anche con altri operatori, hanno invitato Glencore, proprietaria nella stessa area di Portovesme di altro impianto di produzione di metalli non ferrosi, a discutere quali condizioni fondamentali debbano sussistere per considerare la possibilità di riavviare l’impianto. Glencore è pronta a proseguire attraverso ulteriori approfondimenti in questa opportunità. Il Protocollo rappresenta lo stato attuale, alla data della sottoscrizione, delle discussioni avviate da Governo, RAS e Glencore. Pertanto il suo contenuto non costituisce in alcun modo vincolo contrattuale per nessuna delle Parti né potrà costituire fonte di affidamento per terzi. Il confronto fra Governo, Regione e Glencore, si è sviluppato prevalentemente: sulle condizioni economiche di fornitura dell’energia; sulle possibilità di sostenere con risorse pubbliche gli investimenti necessari; sul miglioramento delle condizioni di contesto infrastrutturale. L’Intesa conseguita fra Governo, RAS e Glencore, sul complesso dei suddetti punti, è basata su soluzioni di mercato e sul rispetto delle regole della concorrenza dell’UE e della Repubblica. L’esito dell’operazione è tuttavia subordinato al completamento da parte di Glencore di una esaustiva due diligence in relazione all’impianto e alle condizioni della sostenibilità della gestione delle attività sul lungo termine. Il Governo e la RAS faranno tutto quanto in loro potere per facilitare il buon esito dell’operazione.

Giuseppe Casti Presidente CALDichiarazione del Sindaco di Carbonia Giuseppe Casti: Apprendo con viva soddisfazione della firma del Protocollo d’Intesa concernente le condizioni fondamentali perché Glencore avvii un confronto con Alcoa circa la possibile acquisizione e riattivazione dello smelter di produzione di alluminio primario di Portovesme.  Il protocollo è stato firmato nella serata di oggi 10 novembre 2014 dal Governo della Repubblica Italiana, rappresentato dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Graziano Delrio, dal Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, dal Vice Ministro dello Sviluppo Economico Claudio De Vincenti, dalla Regione Autonoma della Sardegna, rappresentata dal Presidente Francesco Pigliaru, e dalla Glencore International AG, rappresentata dall’Amministratore Delegato Ivan Glasenberg.  Attraverso questo documento il Governo e la Regione vogliono raggiungere l’obiettivo della ripresa della produzione nello smelter di Portovesme, cessata per decisione della proprietà Alcoa. Tale obiettivo è perseguito sulla base degli Accordi fra Governo, Regione, Enti locali, Parti Sociali e Alcoa che prevedono anche l’impegno di Alcoa a favorire, in assoluta buona fede, il riutilizzo produttivo dell’Impianto.  Il confronto fra Governo, Regione e Glencore, si è sviluppato prevalentemente sulle condizioni economiche di fornitura dell’energia; sulle possibilità di sostenere con risorse pubbliche gli investimenti necessari; sul miglioramento delle condizioni del contesto infrastrutturale. Esprimo grande soddisfazione per questo primo e fondamentale risultato raggiunto. Da questo momento, pur consapevoli che vi sono ancora passi decisivi da compiere, possiamo finalmente dire che si riaccendono le speranze per la ripresa economica del territorio. Nel manifestare gratitudine al Governo e alla Regione per quanto sin ora fatto, un ringraziamento particolare lo rivolgo ai lavoratori e ai sindacati che non si sono mai arresi e che hanno dato un contributo fondamentale per il raggiungimento dell’obiettivo.

Francesco Pigliaru presidente regione sardegna

Glencore: dichiarazione del presidente Pigliaru

CAGLIARI, 10 NOVEMBRE 2014 – “Questo è un giorno importante. Senza il nostro impegno e il moltissimo lavoro fatto in questi mesi, oggi le prospettive per la riapertura dello stabilimento sarebbero ridotte al minimo. Con questo intenso lavoro abbiamo reso possibile il fatto che ora un investitore serio come Glencore si dichiari disposto a trattare con Alcoa le condizioni per far ripartire l’impianto. Sappiamo tutti che non è la soluzione del problema e che tanta strada resta ancora da fare, ma è il primo passo di cui c’era bisogno”. Lo ha detto questa sera a Palazzo Chigi il Presidente della Regione Francesco Pigliaru, dopo aver firmato insieme al sottosegretario della presidenza del Consiglio dei Ministri Graziano Delrio e i vertici di Glencore, il protocollo d’intesa che attiva le condizioni fondamentali perche’ Glencore avvii un confronto con  sulla possibile acquisizione e riattivazione dello stabilimento di Portovesme. Firmato dalle tre parti anche il comunicato stampa condiviso e diffuso al termine dell’incontro.


All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove
Translate »
0 Shares
Share
+1
Tweet
Pin
Email