Fatti Fritti o Para Frittus ricetta originale della cucina tipica sarda dal Portale “Le Vie della Sardegna”.

Pubblicato il: 12 Feb, 2014 @ 15:59

Vogliamo regalare un’altra ricetta originale della cucina tipica sarda ai nostri numerosi lettori on-line, ecco i “Fatti Fritti” o “Para Frittus” tipico dolce legato al Carnevale, la ricetta di questo dolce viene nell’isola tramandata di madre in figlia da paese a paese.

Sperando di farvi cosa gradita di seguito gli ingredienti e il procedimento che vi consentirà di portare in casa vostra, ovunque voi siate, un’altro sapore tipico della  cucina di Sardegna.

Fatti Fritti Para Frittus - ricetta originale cucina tipica sarda del Portale Le Vie della Sardegna

Ingredienti:
1 kg di farina 00
4 uova freschissime
100 grammi di burro
60 grammi di lievito di birra
mezzo litro di latte
la buccia gratuggiata di 2 arance
1 bustina di vanillina (a piacere)
abbondante olio di semi per friggere
zucchero per guarnire

Preparazione:
In una capiente insalatiera dai bordi alti rompere le 4 uova e incorporavi la farina mescolando. Sciogliere il lievito in un po’ di latte tiepido ed unirlo gradualmente alla farina. Avrete inoltre sciolto il burro su fiamma senza farlo friggere e lo unirete all’impasto insieme al restante latte alla scorza gratuggiata delle 2 arance e alla bustina di vanillina. Il composto che otterrete deve essere morbido ed elastico per poter essere poi lavorato con le mani. Coprire l’insalatiera con un coperchio ed avvolgerla con una copertina di lana e lasciare lievitare al caldo il composto per almeno 4 ore. Trascorse le 4 ore mettere abbondante olio a riscaldare in una capiente padella e fare una prova prendendo un pezzetto d’impasto e mettendolo nell’olio caldo se questo a contatto con l’olio si gonfia e sale immediatamente in superficie si può procedere a formare i classici Fatti Fritti o Para Frittus. Prendere con le mani l’impasto in piccole porzioni e fare delle pallette nelle quali sempre con le mani creerete un buco al centro per dare al dolce la classica forma di ciambella col buco. Immergere quindi nell’olio caldo e far dorare i Fatti Fritti da un lato e poi  girarli dall’altro lato aiutandovi con due forchette fino a che non saranno dorati. Una volta tolti dall’olio fateli sgocciolare su carta assorbente e poi metteteli nel piatto di portata con abbondante zucchero sopra.

Testo di Silvia Sanna

Potrebbero interessarti anche:

 

 

Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2015
  • stefano cip

    scusate ma la ricetta non prevede burro …in tanti anni non ho mai visto una cosa simile!!

    • LeViedellaSardegna

      Carissimo Stefano Cip, di cose per indignarsi oggi c’è ne sono tante, ma tutto il tuo sdegno per un po’ di burro mi sembra alquanto irreale … sono altre le cose strambre che accadono nel mondo. Comunque questa è la nostra ricetta originale dei Fatti Fritti se non ti piace non la utilizzare. Ciao e su con la vita!!!

    • Carla Congiu

      nel senso che prevede lo strutto?

    • Elio Dongu

      si strutto e l’originale

    • Giuliana Pili Kendall

      Mi sa che allora hai visto male. Is Parafrittusu quelli originali erano fatti con lo strutto poi sostituito nel tempo col burro. Io ho la ricetta di mia nonna che se fosse viva avrebbe più di 100 anni!

    • Marco Caboni

      confermo nonna pure….anticamente si usava lo strutto…ma anche adesso si puo’ usare anche perchè lo scopo dello strutto nei fritti è per far si che possano rimanere morbide ancora dopo un paio di giorni dalla frittura, anzi aggiungo che la vecchia ricetta campidanese prevedeva la frittura dei fritti in metà olio e aggiunta anche di strutto….provate

  • Elio Dongu

    uguale alla mia ricetta io aggiungo 150 G. di zucchero per l’impasto

    • Marco Caboni

      infatti manca lo zucchero…..60 grammi di lievito sono una cifra con un kg di farina per una lievitazione abbondante già 25 gr sono un mondo…..con 60 gr vengono delle mongolfiere e inoltre si rischia di lasciare nell’impasto un odore fortissimo di lievito di birra…non so comunque rispetto la ricetta

  • Carlo Melis

    Salve vorrei aggiungere che per quanto riguarda la lievitazione mia madre preparava le palline e le metteva sul tavolo con un telo e della farina per una seconda lievitazione di circa 30 minuti poi si faceva il classico buco al centro e si friggevano, si giravano da sole e avevano un bordino più chiaro al centro. Si manca lo zucchero e il lievito x un chilo di farina era 25g.

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove
Translate »
376 Shares
Share327
+145
Tweet
Pin4
Email